giovedì 30 settembre 2010

PREMI VINI D'ITALIA DE L'ESPRESSO 2011: I ROSSI TOSCANI

Michele Braganti (Monteraponi), grintoso in vigna
 Mi piace tenere questa classifica come riferimento, dato che ho sempre valutato come molto affidabile la guida vini de L'Espresso (l'unica italiana cui do piuttosto fiducia, almeno finora). E mi pare che sui nomi presenti non ci sia molto da dire. Forse ne mancano alcuni, ma non si può avere la perfezione. Non mettere Biondi Santi sarebbe stato un abominio... magari mettere anche le Chiuse di Sotto e Le Macioche sarebbe stato anche meglio. Soldera sarebbe lì in testa, ma non è interessato a dare campioni.
Questo elenco potrà essere una base di confronto, già nella veloce degustazione del 7 ottobre a Firenze. E per futuri confronti sui Chianti Classico e sui Brunello da fare in loco, con gli amici produttori. Complimenti a Martino Manetti (che è una star, lo sappiamo bene e da tempo) e Michele Braganti, rispettivamente per Pergole/Montevertine e Baron'Ugo, non certo una sorpresa. I loro vini erano ugualmente buoni anche senza premio! Appena possibile, voglio fare uno scontro al vertice tra i 4 grandi raddesi, su pari annata. Sarebbe molto interessante farlo adesso sulle loro 2003 riserva: Pergole Torte, Doccio a Matteo Caparsa, Val delle Corti Ris, Il Campitello Monteraponi... occhio al Doccio 2003 adesso!
Infine, complimenti a I Fabbri di Lamole, conosciuti e apprezzati di recente alla festa di Andrea Pagliantini, andrò a trovarli appena potrò! :)

19.5 Il Caberlot 2007 Il Carnasciale
19.5 Le Pergole Torte 2007 Montevertine
18.5 Bolgheri Rosso Superiore Ornellaia 2007 Ornellaia
18.5 Bolgheri Sassicaia 2007 San Guido
18.5 Brunello di Montalcino Riserva Piaggione 2004 Salicutti
18.5 Chianti Classico 2007 Riecine
18.5 Chianti Classico Riserva 2005 Castell’in Villa
18.5 Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale 2007 Selvapiana
18.5 Masseto 2007 Ornellaia
18.5 Montevertine 2007 Montevertine
18.5 Poggio de’ Colli 2008 Piaggia
18.5 Rosso di Montalcino 2007 Poggio di Sotto
18.5 Rosso di Montalcino 2007 Stella di Campalto
18 Acciaiolo 2007 Castello d’Albola
18 Bolgheri Rosso Superiore Campo al Fico 2007 I Luoghi
18 Brunello di Montalcino 2005 Poggio di Sotto
18 Brunello di Montalcino 2005 Sesti
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Biondi Santi
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Fuligni
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 La Palazzetta
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Le Potazzine
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Podere Brizio
18 Brunello di Montalcino Riserva 1 2 3 2004 Solaria
18 Campo alla Sughera 2006 Campo alla Sughera
18 Carmignano Riserva Montalbiolo 2007 Ambra
18 Cepparello 2007 Isole e Olena
18 Chianti Classico Riserva 2006 Vecchie Terre di Montefili
18 Chianti Classico Riserva 2007 I Fabbri
18 Chianti Classico Riserva Baron’Ugo 2006 Monteraponi
18 Colline Lucchesi Rosso Tenuta di Valgiano 2007 Valgiano
18 Montecucco Rosso Sacromonte 2007 Potentino
18 Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2007 Salustri Leonardo
18 Pian de’ Guardi 2006 Il Lago
18 Rocca di Frassinello 2008 Rocca di Frassinello
18 Syrah Collezione De Marchi 2006 Isole e Olena
18 Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2006 Il Conventino
18 Vino Nobile di Montepulciano Simposio 2007 Trerose

8 commenti:

  1. Per quel che contano queste classifiche, mi stupisce un pò vedere la Riserva 2004 Biondi Santi così indietro, e soprattutto con due Rossi di Montalcino davanti! Con tutto il tam tam che si è fatto finora su questo vino, qualcuno aveva anche azzardato un 100/100...

    RispondiElimina
  2. Con questi voti in ventesimi ci si capisce poco. Comunque per me Bionsi Santi era da 96/100, quindi sarebbe almeno 19/20, opinione personale, eh?!
    Pergole 97/100, con tutto il bene che voglio a Martino, mi sembra tanto...
    Bah, ma non si fa prima a dare direttamente i voti in centesimi?

    RispondiElimina
  3. certo che mettere sullo stesso piano l'Acciaiolo di Albola e il Baron Ugo...

    RispondiElimina
  4. Speriamo che almeno non siano stati valutati dallo stesso panel... A occhio sembrerebbero voti non omogenei. Con tutto il rispetto, stesso voto anche per la Riserva di Biondi Santi... l'Acciaiolo

    RispondiElimina
  5. Da buon raddese non posso che apprezzare la nutrita presenza dei vini del mio paesello. Viva Radda!!

    RispondiElimina
  6. ciao Riccardo! :-)
    Paese piccolo, ma di sostanza ;-)

    RispondiElimina
  7. il 7 cm...la degustazione è libera o solo per invito ?

    RispondiElimina
  8. ps....non sarebbe ora di smetterla con questi numeri ?
    non se ne può più di queste guide, la maggior parte fasulle !!!!
    memorizzare quello che c'è nel bicchiere, forse è meglio !!

    RispondiElimina