domenica 15 agosto 2010

Radda in Chianti, un rapporto privilegiato


Caparsa, agricoltura eroica: vigne tutte esposte a nord
L'attività del gruppo di appassionati dell'Enoclub Siena ha finito per ruotare spesso attorno a Radda in Chianti, area da sempre naturalmente vocata per la produzione di grandi vini rossi. Molte le visite fatte alle cantine e alle vigne dei produttori. Lo splendido sabato della verticale di Pergole Torte 1981-1997, ospiti di Martino Manetti a Montevertine. La cena a Le Panzanelle insieme Paolo Cianferoni di Caparsa con la significativa verticale di Chianti Classico Riserva Doccio a Matteo 1997-2006.
Le degustazioni di livello fatte con Martino, come la bella sfida Pergole Torte Ris. 90 vs. Brunello  Riserva 90 Soldera, da Arnolfo. O la bella verticale parallela tra Pergole Torte e Percarlo. E la più recente orizzontale sui chiantigiani 1985.





Gli stretti rapporti amichevoli con Michele Braganti di Monteraponi e Roberto Bianchi di Val delle Corti. I frequenti assaggi da botte in cantina da Paolo e da Michele.
E ancora, la partecipazione attiva all'ultima edizione di Radda nel Bicchiere con una bella panoramica di vecchi rossi raddesi, commentati direttamente dai produttori che si alternavano al tavolo di degustazione. E l'ormai famosa cassetta, realizzata per l'occasione
Più di recente, l'amicizia con Piero Lanza del Poggerino, dopo la fulminante rivelazione qualitativa del suo Riserva Bugialla 1999. E ancora, tanti giri per vigne a parlare di sovesci, di grandine, di peronospera, di zolfo...
Resterà un bel ricordo dell'estate 2010 la stretta collaborazione per la prima edizione dell' iniziativa Vino&Contrade. Fino alla recente panoramica di rosati del Chianti nella Contrada della Lupa, con la presenza di tre rosè raddesi e la partecipazione diretta di Roberto Bianchi.
Che dire: è bello pensare ad un paesino arroccato sui monti del Chianti, alle sue vigne "in quota"; ai suoi vignaioli e alle loro giornate stivali ai piedi, sul trattore a imprecare contro il fango,  in cantina a fare travasi., al telefono a lottare per avere il giusto. Pensare al meraviglioso Baron'Ugo 2007 che riposerà in cantina ancora per un anno e mezzo, alle tante annate di Doccio a Matteo in botte e in bottiglia, alla bella cantina storica di Martino, a Roberto che lotta per trovare spazio alle sue botti. E pensare a tutto questo sapendo che il patrimonio di verità che ancora Radda conserva è in buone mani. E che abbiamo stretto tante volte queste mani.  E che queste sono le mani dei nostri più cari amici.
Martino Manetti - Montevertine (foto di Andrea Pagliantini)
Michele Braganti - Monteraponi
Paolo Cianferoni - Caparsa
Roberto Bianchi - Val delle Corti

Foto di Enrico Pacciani



4 commenti:

  1. leggere non è stata un' emozione da poco !!!
    non lascio commenti sui vini...pochi gli aggettivi...diciamo solo "i mitici "
    Daniela

    RispondiElimina
  2. Beh insomma, fa piacere...
    fa anche piacere che un gruppo di produttori arroccati in queste colline un po selvagge riescano a trovare una comune sintonia, con Davide da collegamento. Per far confronti, i produttori di Panzano si sono coordinati insieme istituzionalizzandosi, i produttori di Radda fanno gruppo spontaneamente....

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il nuovo sito! Ora si che ci siamo! Pronti per cominciare una nuova stagione!

    RispondiElimina
  4. Grazie per gli incoraggiamenti, adesso non vi rimane che contribuire con report e scritti in genere. E' il nostro blog, aperto a tutti i soci! :-)

    RispondiElimina